Build Back Better: storie di miglioramento continuo ai tempi del COVID-19

"Quando soffia il vento c’è chi alza muri e chi costruisce mulini a vento”




In questo periodo di grande emergenza ed incertezza c'è chi non si è mai fermato, chi ha sviluppato nuovi modi di lavorare, chi nella crisi ha trovato nuovi modelli organizzativi, chi ne ha approfittato semplicemente per digitalizzare la carta nei propri uffici.

Abbiamo pensato di raccogliere queste esperienze in una conferenza digitale KAIZEN™ di ispirazione e rilancio per la community il 22 ottobre 2020. Queste storie vogliono essere spunto di ispirazione per affrontare i momenti difficili e trovarsi pronti alla ripartenza, qualsiasi sia l'emergenza che siamo chiamati ad affrontare.

L'evento italiano segue quello internazionale del 25  giugno, dove più di 2000 persone hanno partecipato alla prima conferenza digitale di Kaizen Institute sulla ripartenza post COVID-19 "Build Back Better" con la partecipazione di esperti internazionali del miglioramento continuo come Art Byrne, Bob Emiliani, Euclides Coimbra e l’economista Ola Grytten. 


Alcuni testimonial presenti nel panel in via di formazione: 

Andrea Rosa, CEO di Remazel Engineering


L’azienda è situata a Bergamo, probabilmente la provincia più colpita d’Europa, e durante il lockdown si è trovata alle prese con il dilemma se chiudere o andare avanti in sicurezza su una commessa molto importante che, con il blocco delle attività, rischiava di andare persa. 

La risposta è stata reinventare la modalità di collaudo riunendo 25 tecnici provenienti dagli USA, Giappone e Italia, digitalizzando la fase di collaudo con delle GoPro sui caschi degli operatori.

In un momento così difficile e in una zona geografica così gravemente colpita, le capacità di leadership sono state fondamentali per poter guidare le persone. 

Andrea Rosa, ci racconterà come fare squadra in queste condizioni e come attuare una trasformazione digitale utilizzando grandi capacità di leadership: 

  • Gestione del senso di urgenza
  • Mettere le persone al centro (anche i fornitori)
  • Utilizzo gli strumenti giusti

Leggi la storia di Remazel Engineering 



Massimiliano Burelli, CEO di Acciai Speciali Terni

Acciai Speciali Terni impiega circa 2400 persone su una superficie di 45.000 mq. Data la natura della sua attività, è sempre molto attenta alle questioni legate alla sicurezza e ai rapporti con il territorio. Durante l’emergenza sanitaria si sono ritrovati a coniugare la necessità di non perdere clienti e fatturato con la sicurezza sul posto di lavoro. Hanno deciso di andare avanti creando uno dei primi protocolli di sicurezza, in collaborazione con Ferrari. Hanno messo le ruote alle lavagne dei flash meeting per poterli fare all’aperto a distanza di sicurezza utilizzando Zoom per collegare le persone in smart working. In questo modo la distanza tra chi era in azienda e chi era a casa si è ridotta. 

Massimiliano Burelli, amministratore delegato di Acciai Speciali Terni, ci racconterà di come superare le difficoltà amplificate in un'organizzazione grande e complessa e come mantenere allo stesso tempo motivazione, alti standard di sicurezza  e continuità nel business.


Vuoi partecipare raccontando l’esperienza della tua organizzazione? Compila il form!

Vuoi seguire la conferenza? Iscriviti subito





arrow up