Manca poco al 20 giugno, data di inizio del Kaizen Live Experience sul “Supply Chain Management” che si terrà nello stabilimento di Emak di Bagnolo in Piano (RE). Tre giorni sul “Gemba” in cui i partecipanti verranno divisi in gruppi e affronteranno i cantieri legati al miglioramento della Supply Chain. I cantieri di questa edizione saranno tre e affronteranno le seguenti sfide:

Cantiere strategia fornitori: che permetterà di analizzare e migliorare la strategia di relazione con i fornitori, identificare il livello di servizio adatto (flessibilità al mix ed ai volumi) ed impostare un piano di miglioramento efficace e controllabile.

Cantiere livello di servizio linea: che avrà il compito di far aumentare il livello di servizio della linea “motosega 25” (puntualità di risposta e reattività alle richieste del mercato) semplificando la gestione degli oltre 400 componenti con l'obiettivo di zero mancanti.

Cantiere miglioramento fornitore: in cui si coinvolgerà un fornitore specifico per far evolvere il suo livello di servizio grazie ad un piano di miglioramento in logica win win.

  

 

Galeotto è stato un articolo apparso sul Corriere Innovazione. «Tognola come Toyota» il titolo. E il legame fra le funivie trentine e la multinazionale giapponese sta tutto in Kaizen, nella sua applicazione. Così il miglioramento continuo e (anche) la società che lo porta avanti in Italia, il Kaizen Institute, sono finiti al centro di una tesi di laurea. A leggere quell’articolo, infatti, è stata Laura Strada, di Rescaldina (vicino Saronno). Quell’articolo la incuriosiva: il Trentino è spesso la sua meta di vacanza, e del sistema di produzione Toyota ne aveva più volte sentito parlare durante il suo corso di studi. Così come di Kaizen, senza però mai approfondire. Da quel collegamento è scattata la scintilla per fare una tesi su Kaizen, idea approvata dal suo relatore, il professor Flavio Gnecchi.

 

Leggi di più

  

 

Possono sembrare mondi differenti, invece hanno molti punti di contatto. Il legame fra Kaizen e cultura in realtà è forte: lo sanno, ad esempio, i futuri Manager dell’Arte dello IED di Firenze. Ed è proprio ad una classe di venti studenti del master in “Arts Management” che i trainer di Kaizen Institute Italia hanno fatto una formazione non convenzionale. Là dove giovani studenti provano ad immaginare e poi realizzare gli eventi d’arte a cui tutti noi parteciperemo nei prossimi anni.  IL mix tra kaizen e creatività è davvero “esplosivo": ogni anno si esprime in modo differente coinvolgendo l’aula nelle tematiche del Kaizen Project Management. Grazie all’ambiente fortemente interattivo e alla curiosità degli studenti, anno dopo anno abbiamo sviluppato nuovi contenuti e approfondimenti.

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti 

 

Seguici su:

 

Kaizen Facebook Page

  

 

CONTATTACI:

 

 
 
 
 
 

  

KAIZEN Institute Italy S.r.l.
Via Emilio Zago, 2
40128 Bologna

 
Tel  +39 051 587 67 44
Fax +39 051 587 67 73
E-Mail: kii@kaizen.com 

 

P. IVA e C. F. 06102290969

 

 

 

Kaizen Clients

 

Add as many pictures to the cell bellow
 phlips kaizen clientEcolab Kaizen ClientPfizer Kaizen ClientBosh Kaizen ClientVolkswagen Kaizen ClientContinental Kaizen Client